Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

Non ero io. (neanche sta volta)

Immagine
Quello che, viste le prodezze di Marostica, chiameremo amichevolmente l'Idiota, mi sostituisce anche a Monte Corno, ma, memore delle prodezze di Marostica, gli piazzo un gps in testa, una telecamera in fronte, un auricolare nell'orecchio e gli faccio giurare eterna fedeltà a TUTTO quello che gli dirò.

Purtroppo, risulta non essere sufficiente... Quella che segue è la desolante trascrizione di una parte delle comunicazioni che ci siamo scambiati durante la gara, che finisce in tragedia (agonisticamente parlando) come quella del giorno prima.
Già l'Idiota si presenta in ritardo alla partenza ("C'era un bellissimo panorama, mi sono avviato lungo la strada che andava via in piano, si vedeva il mare, i colli Berici, i colli Euganei, ho mangiato una ottima torta e bevuto un caffè d'orzo in tazza grande. Mi ero sbagliato a leggere l'ora di partenza, cosa ci vuoi fare?") e viene graziato dal ritardo della partenza stessa, grazie al quale riesce a presentarsi …

Non ero io.

Immagine
Sabato e domenica avevo impegni artistici che mi impedivano di essere presente alle due gare di Coppa Italia. Dato però che ormai mi ero iscritto, ho ceduto il mio pettorale e il mio brichetto ad un amico, ex orientista ora molto occupato con i "trail", quelle gare da atleti mediocri, corse da chi non riesce a correre decentemente distanze umane, e quindi si trascina indecentemente per distanze disumane.
Ero convinto che non mi avrebbe fatto fare brutta figura, ma mi sbagliavo. Gli ho chiesto, già che c'era, di scrivermi anche un post sulla gara, ma non posso esimermi da aggiungere le mie note a margine.
Bello essere di nuovo qui in Coppa Italia, le gare di centro storico una volta erano le mie preferite, vediamo se mi riesce ancora di fare bene. In M35 sono in tanti, anche se mancano il signor Mario Ruggiero, il signor PM Grassi e il signor Carlo Rigoni, che mi dicono non si veda da un po'. Mentre termino di riscaldarmi sotto un cielo sempre più grigio, rimango molt…

Gara Regionale Kastelruth - Castelrotto

Immagine
Premessa: scrivo questo post ascoltando in streaming "Radio Azimut", "la radio ufficiale della federazione Italiana Sport Orientamento", che ho scoperto or ora. Se ho capito bene va in onda su Radio Stella Città (?) che pare essere di Civitanova (?), ma si trova anche in streaming, accessibile dal sito FISO. Come peraltro mi capita con le trasmissioni TV, mi chiedo chi mai possa ascoltare questa trasmissione (non che a me non sia simpatico Denni Pagliari, ospite della puntata che sto ascoltando, e che non mi piaccia ascoltarlo in radio, ma oltre a me e a qualche altro fanatico orientista? Lui è universamente considerato un bell'uomo, ma in radio neanche si vede...).
Ma proseguiamo.
Sabato ho finalmente ripreso in mano una cartina di orienteering, ho gettato il cuore oltre l'ostacolo e ho rinunciato a qualsiasi possibilità di podio iscrivendomi in MA. Ho scoperto poi che in M35 c'era Stefano Maddalena, quindi forse è stato meglio così in ogni caso...
Il …

Garda Trentino Trail

Immagine
Eh, non c'era neanche una gara di orienteering in tutto il weekend, cosa potevo fare? Stare a casa? Giammai. C'era questa gara (che se il nome del Garda non fosse troppo attraente per il resto del mondo, soprattutto germanofono, poteva tranquillamente chiamarsi Trail dei Tre Laghi, tutti bellissimi: Tenno, Ledro e Garda) e io non l'avevo mai corsa, ed era una distanza buona nel programma che avevo fatto ad inizio stagione (andato a catafascio perché la gara obiettivo dell'anno l'hanno annullata...), insomma, ho proprio dovuto andare.

Ho fatto benissimo, perché la gara era proprio bella, ed è fuori discussione che 60 km con 3700 metri di dislivello, non siano il modo migliore per preparare la gara in centro storico a Marostica del 20 e la long di Asiago del 21. Sono certo che anche Ruggiero nello scorso fine settimana si è fatto almeno 90-100 chilometri sforzo...
E in ogni caso ero convinto di aver letto che il dislivello era solo di 3000 metri, e quindi mi ero fat…

Coppa del Trentino a Daiano

Immagine
La Val di Fiemme è un gran bel posto, e pazienza se il clima oggi è un po' gelido. L'orienteering è un gran bello sport, e pazienza se io sono un po' scarso. I Grassi corrono in MA per far vedere di che pasta sono fatti, io mi accontento della M35, perché tra provare ad arrivare e provare a vincere preferisco la seconda (anche se tanto non ci riesco lo stesso).
Vincere mi sarebbe piaciuto, e pensavo anche di poterci riuscire. Dopo essere arrivato pensavo anche di non essere andato malaccio, invece Ausermiller mi ha rifilato 8 minuti. Non male, no?
Nella mia evoluzione e maturazione di uomo e di atleta, sto finalmente imparando a prendere con filosofia le sconfitte, e a trovare delle buone scuse. Considerando che una volta trovavo delle buone scuse per non godermi le vittorie, la considero una conquista. Questa volta la scusa è che ho preso alla 2 Rudy Mair, che ho sempre ritenuto uno molto forte, alla 9 Andrea Gobber, che aveva vinto la penultima gara di Coppa del Trentin…