31 dicembre 2013

Caro Presidente Gazzerro

Da: Dario Pedrotti
Data: 31 dicembre 2013 23.41.05 GMT+01.00
A: presidente@fiso.it
Oggetto: lettera aperta

Gentile Presidente Gazzerro,
al posto di un "discorso del Presidente" ci tengo a concludere questo 2013 con una "lettera al Presidente", per sincerarmi che siano giunte nelle sedi adeguate un paio di domande che fra gli orientisti circolano da un po', e che non mi risulta abbiano ricevuto risposta.

1) Perché è stata eliminata la gara di qualifica dei campionati italiani middle? Una parte significativa di alteti trovava molto stimolante questa formula, unica nel panorama delle gare nazionali, e non si capisce il motivo del suo annullamento. La voce che gira è quella che non si è voluto appesantire società e atleti con trasferte di due giorni, ma il calendario 2014 prevede molte più trasferte di due giorni di quelle dell'anno passato, quindi questa spiegazione non sembra quella giusta.

2) Perché in Italia non abbiamo nessuna gara nazionale in bosco in notturna a sequenza obbligata e partenza a scaglioni? Coppa Italia o campionato italiano che sia, si tratta di una gara estremamente suggestiva, di cui si sente molto la mancanza, e della quale non si è capito il motivo della cancellazione.

Colgo l'occasione anche per dire che non sono d'accordo con l'articolo su Azimut che auspica che anche la FISO si muova in direzioni simili a quelle della Strong Man Run: più che preoccuparsi di attirare per un giorno pubblici oceanici (non mi risulta che chi corre quel tipo di gara si metta poi a correre le gare FIDAL se non lo faceva già prima), credo dovremmo preoccuparci che altri tesserati FISO non abbandonino il nostro meraviglioso sport.

Può rispondere direttamente al mio indirizzo oppure sul mio blog, dove pubblico questa lettera, quale spunto di confronto per quanti vorranno esprimere la loro opinione (sperando che un giorno  Azimut o il sito FISO possano essere quello strumento di dialogo che attualmente manca).
Auguro a Lei e a tutti gli atleti una stagione 2014 piena di soddisfazioni.
Dario Pedrotti



27 dicembre 2013

2013: ORIgioie e doloORI

dolORI

5° - lanterna 4 - IV cartina, O-marathon degli Altipiani, Passo Coe
Non ci avrei guadagnato medaglie e forse neanche posizioni in classifica, ma è stato uno degli errori più deprimenti dell'anno, con almeno 15' lasciati fra i mirtilli di Passo Coe. E considerando che ero in gara da un paio d'ore, non è stato bello. Anche perché credo di essere arrivato (ed essere rimasto per un bel po') nel verdino subito a destra della lanterna. Cosa era meglio fare? Probabilmente andare a sbattere sul costone (a destra, ops) a sinistra del punto e attaccare da quello.


4° - lanterna 22, RoMe2013 - Day 3, Roma
Ho scorrazzato per il centro storico, corso in rotatoria, attraversato i fori imperiali, scalato il Campidoglio, guadato gli scavi archeologici e sfidato i parcheggi alla romana, e siamo alla fine dell'ultima gara di una 3 giorni: perché andare a cercare rogne? C'è una scelta che sembra più corta e più ovvia. Ma c'è una descrizione punto che potrebbe far pensare che ci sia un trucco. E se il trucco c'è davvero? E se c'è una scelta super furba e io me la lascio sfuggire? E se mi potrebbe far guadagnare quei secondi alla fine determinanti per assegnare le posizioni sul podio? Morale, su quella lanterna ci perdo 30'' e il secondo posto in classifica generale. Proprio furbo.


3° - lanterna 12, 4° Coppa Italia, Fausior
È estate, è un bel posto, sono reduce da una settimana di allenamenti con i ragazzi del comitato e ho vinto l'ultima gara di coppa Italia: cosa voglio di più per fare una bella gara? Sangue freddo vorrei, e due paraocchi per non vedere quelli che ho vicino. Corro discretamente fino alla 11, dalla quale invece di andare in curva o puntare a nord ovest, mi butto in giù. E quando mi rendo conto di dove sono, sono proprio giù e mi sento ancor più giù. E siccome non c'è errore che non possa essere peggiorato da una cattiva scelta per uscirne, invece di fare il giro alla madre di tutte le rocce e salire dalla costa che avevo già percorso andando alla 8, risalgo in verticale 5 curve più del dovuto, per poi scenderle allungando anche il percorso.


2° - lanterna 10, Campionato Italiano Long, Aprica
Il mio palmares non è eccelso, ma l'unica medaglia nazionale individuale che mi manca è quella del campionato long, alla quale da anni vado vicino, ma non abbastanza. Il fattaccio questa volta è alla 10. Potrei giurare di aver visto la piazzola con praticello a 100 metri dal cerchietto, ma quando mi affaccio dal bordo del cerchietto per vedere giù la lanterna, al suo posto vedo solo Bezzi. Che non è un belvedere, per chi cerca una lanterna. Nel dopogara ci sarà chi dirà che la lanterna era giusta ma la carta sbagliata, chi che erano sbagliate entrambe e chi che erano giuste entrambe. Negli albi d'oro della corsa di orientamento rimarrà scritto solo che ha vinto Carlo Cristellon, davanti a Ingemar Neuhauser e Mario Ruggero, con Pedrotti PM.


1° - lanterna 1, Campionato Italiano Sprint, Subiaco
Partito con (a mio avviso) più che legittime speranze di podio e anche qualcosa di più, quando prendo in mano la carta mi rendo conto che quella su cui mi ero preparato per settimane non era la scala giusta, ed è tutto molto più piccolo di quanto mi aspettassi. Basterebbe un po' di calma per fare l'occhio sulla scala, ma non ne ho e dopo 30'' non so già più dove sono. Gli dei dell'orienteering mi danno un'ultima possibilità facendomi arrivare, per puro caso, a 4 metri dalla lanterna, in una piazzetta che avevo già "visto" negli allenamenti a secco con carta e gugle, ma spreco anche quella. Mente la lanterna sghignazza dietro al muretto io me ne vado da una parte qualsiasi e ci tornerò solo 3' dopo, quando ormai gara e dignità sono andate a farsi benedire. Chiudo in bellezza con un PM.



ORIgioie

5° - Campionato Trentino e Veneto Long, Hinterbech (Altipiano di Asiago)
Prendere un minuto e mezzo da Cipriani non è mai una bella esperienza, ma è una carta su cui ai campionati italiani middle di un paio di anni fa avevo patito tantissimo, e invece questa volta ne esco più che dignitosamente. Se poi ci aggiungiamo che i primi due punti ero preoccupato più che altro di far partire il GPS che mi ero dimenticato di far partire prima, è stata quasi una vittoria.


4° - X prova Trofeo nazionale centri storici, La Villa (Val Badia)
Vinco più per demeriti altrui che per meriti miei, dato che dopo la 7 perdo vari secondi perché penso alle foto di Emiliano Corona invece che all'uscita dal punto e alla 13 vado un po' a caso, ma un podio nella mia valle preferita è sempre una soddisfazione. Probabilmente se mi dedicassi con più costanza al TNCS potrei portare a casa buoni risultati in classifica generale. Ma il bosco è un'altra cosa.


3° - RoMe2013 - Day 3, Roma
L'ho messa anche nei dolORI, perché sono stato un pirla, ma vincere a Roma nella gara davanti al Colosseo è stata una soddisfazione non da poco. Nonostante anche questa volta la mia gara sia stata tutt'altro che impeccabile e atleticamente sopraffina. Evidentemente le due gare nei giorni prima hanno pesato nelle mie gambe più di quello che pensavo, ma in quelle degli altri ancora di più.


2° - Campionato Trentino e Veneto Sprint, Imèr (Primiero)
A inizio stagione, sulla cartina che ha visto correre la sprint dei Jwoc di qualche anno fa, riesco a mettere dietro due ragazzini che qualche mese dopo saliranno sui primi gradini del campionato italiano sprint. Ovviamente è stato perché Cipriani non si allenava dall'82 e Buselli aveva sospeso le ripetute per la congiunzione di Saturno con lo Scorpione, però sono arrivato prima io.


1° - 3° Coppa Italia, Monte Livata
Nel fine settimana più emozionante dell'anno, dopo la grandissima delusione per il suicidio nel campionato italiano sprint, vinco la mia prima gara di Coppa Italia dai tempi della MC. Con quei nomi lasciati dietro, dovrei appendere le scarpe al chiodo e passare il resto della vita in sedia a dondolo davanti al caminetto. Ovviamente neanche questa è la gara perfetta, ma considerando la lunghezza della gara sbaglio relativamente poco, e azzecco la scelta lunga, che in pratica mi dà la vittoria. Considerando che in tutte le altre gare di coppa Italia e campionati italiani in tutto l'anno non riesco ad andare sul podio neanche una volta, ci voleva proprio.


21 dicembre 2013

ROME - Dies III - Centro Storico

Riassunto delle puntate precedenti
Dopo una sfrenata notturna fra i prati e i boschetti di Villa Borghese in M35 comanda Mario Ruggero, tallonato dal Bulgaro Ivanov. Poco più indietro Pedrotti braccato a sua volta da Thikonov. Un pelo più staccati Bianchi e Pinker. Fra i verdoni di Villa Ada è il Bulgaro a prendere decisamente il comando staccando tutti. Dietro, in 3 minuti, sgomitano per il podio Thikonv, Pinker, Bianchi e Pedrotti.

Ed arriviamo così al terzo giorno del RoMe, quello della gara in centro storico, a sgambettare fra l'Altare della Patria e i fori imperiali e arrivo a due passi dal Colosseo. Non sono sicurissimo che le mie gambe siano d'accordo dopo le due gare dei giorni precedenti, ma mi sento attrezzato per fare bene. Fra i possibili protagonisti italiani, la tensione, prima del via, è palpabile. Del resto, siamo all'ultimo appuntamento della stagione e nessuno vuole trascorrere i lunghi e bui mesi invernali a piangere sul latte versato.


Io parto di nuovo tardissimo e ne approfitto per cercare di sciogliere un po' le gambe, che pare però non ne vogliano sapere di sciogliersi. E poi finalmente è ora di partire e dopo essermi goduto l'atmosfera internazionale alla partenza e la giornata di nuovo primaverile, arraffo la carta e vado. Si parte nel parco alle spalle del Colosseo e c'è solo qualche metro per leggere la carta prima che sia già ora di decidere da che parte uscire.

Rapida occhiata e poi mi dirigo deciso verso l'uscita nord ovest attraversando ad ampie falcate gli ameni praticelli e boschetti che mi si parano via via dinnanzi. Quando dinnanzi inizia a pararmisi una sorta di accampamento di una etnia non meglio identificata (alla smodata velocità a cui mi muovo non è facile riconoscere i lineamenti di qualcuno) la mia sicurezza inizia a vacillare e vacilla sempre più mano a mano che mi sposto senza vedere l'uscita che sto cercando. Gli sguardi angosciati alla carta e alla bussola sembrano confermare che devo andare proprio da quella, ma più l'ansia cresce, meno riesco a leggere, e più aumenta il terrore di aver già buttato via la gara dopo neanche un minuto. Poi il cancello appare, esattamente dove doveva apparire, e io mi fiondo nelle stradine e scalette successive come dovessi recuperare minuti su minuti, mentre in realtà non avevo perso neanche un secondo. Così faccio il miglior tempo di tratta, un solo secondo meglio di Simone Grassi, che, nonostante non felicissimo epilogo di due giorni prima, non ha rinunciato alle partenze sprint.

Mi si conceda qui una piccola divagazione. Che in realtà divagazione in senso stretto allo stesso tempo è e non è, dato che parlo di un diretto concorrente, che però ha divagato. Si tratta dell'Imprevedibile Ruggiero, che impiega 7' (7 MINUTI) più di me ad arrivare alla 1. Narra la leggenda, raccontata da lui, che abbia leggermente sbagliato uscita dal parco e sia arrivato fino alla Stazione Termini prima di capire cosa era successo. Google map conferma che effettivamente in quel tempo con le gambe di Mario si poteva andare e tornare da Roma Termini, con buona pace delle sue aspirazioni al podio.

Tornando alla mia gara, per la 2 sbaglio probabilmente scelta scendendo invece che facendo il giro, poi per la 3 c'è poco da scegliere ma un po' da fare attenzione, dato che non è immediato capire che la lanterna è dietro un bastione di mattoni subito dentro il parchetto. 4 e 5 sono nel parchetto sopraelevato e poi bisogna tornare fuori dal cancello di prima per andare alla 6, che richiede, fra le altre cose, di immettersi in rotatoria in mezzo al traffico romano, di attraversare i fori imperiali e di salire una scala infinita verso il Campidoglio. Faccio tutto benino e mi blocco davanti alla lanterna che vedo dove cercavo la mia, ma che ha un codice diverso da quello che dovrebbe avere. Mi sposto un po', do un'occhiata in giro, rileggo il codice, riguardo la mappa, ma niente, il fatto che io abbia fin lì punzonato solo 5 lanterne non mi fa sospettare che magari non sia la 9 quella che sto cercando. Sono passati 20'' quando ho l'illuminazione: se ruoto la carta di 180° il 9 diventa magicamente un 6 e i codici finalmente combaciano.

Non sono di buon umore quando attraverso la piazza del Campidoglio e mi butto giù per la scalinata quasi certo che non ci sia un percorso migliore (il Bulgaro ci metterà 10'' di meno, ma tuttora non capisco come abbia fatto, dato che non correva più veloce di me e non vedo altre scelte possibili). Dalla 8 alla 12 inseguo Massimiliano Cavara in un pezzo non particolarmente stimolante e riesco a superarlo prima della 13. La 14 è lì a due passi e la 15 è facile, a condizione che ci si accorga che è sopra e non sotto (come la descrizione punti poteva far pensare, ma dandogli un'occhiata di sicurezza prima di scendere si potevano prevenire fattacci).

Per la 16 si corre in una stradina molto suggestiva in mezzo agli scavi archeologici dell'Antica Roma, mentre per la 17 bisogna salire, e oltre agli scalini ci sono paparazzi romani appostati dietro i muretti. La 18 è nascosta dietro una macchina parcheggiata malamente, la 19 ha poco da dire, la 20 poco di più e la 21 serve a preparare la 22.

La descrizione punto dice "ponte - sopra". Ora, se si prendono la briga di metterla SOPRA un ponte, e c'è una scelta che ti fa passare SOTTO quel ponte, è evidente che hanno fatto apposta per ingannare gli sprovveduti che pensano che sia SOTTO e fanno la scelta che passa SOTTO. Quindi la scelta giusta deve essere quella che arriva direttamente SOPRA. Se l'arguto ragionamento è giusto, sarà onore e gloria, se è sbagliato, polvere e infamia: ok, giochiamocela. Quando arrivo alla 22, Eddy, che prima della 21 avevo a qualche decina di metri, non si vede. Potrei illudermi di avergli guadagnato secondi su secondi, se non fosse che mentre punzono arriva Max Cavara, che alla 21 mi era dietro di parecchio di più e sta anche correndo più piano. In effetti vista a freddo la mia era una scelta del cavolo, non solo perché ho sottovalutato una lunga scala che mi ha costretto al passo, ma anche perché non avevo visto la scaletta che tagliava il primo tornante proprio sotto la linea rossa. Per la cronaca, la genialata mi è costata 30''.

Esco dal punto con il morale compromesso, e le gambe lo sono da un po'. Ho un sussulto di orgoglio per la 23, ma poi ho davanti chilometri di Fori Imperiali e Eddy non appare che all'orizzonte e, anche se cerco di mettercela tutta, li percorro tutti arrancando. Per andare alla 26 scelgo di passare a est del Colosseo solo per finirgli il giro intorno e poi è ora di arrivare.

Raggiunto Eddy solo dopo il finish, non sono molto soddisfatto della mia gara e do un'occhiata un po' scazzata al bigliettino che mi danno allo scarico, che sembra molto più soddisfatto di me. Oltre a dire che i punches sono ok, dice anche che live rank: 1 e mi risulta che siano già arrivati tutti i più forti. Finisce che vinco con 1'21'' su Pinker, 2' sul Bulgaro e 2'21'' su Ingemar.

È moralmente accettabile essere contenti per aver vinto una gara di cui non si era contenti prima di sapere il risultato? Probabilmente no. Infatti gli dei dell'orienteering mi puniscono relegandomi al terzo posto nella classifica finale della 3 giorni, a soli 19 secondi da Pinker, al quale ho graziosamente regalato 30'' alla 22 grazie alla mia scelta astuta (e a 7'33 dal Bulgaro).


13 dicembre 2013

Intervallo

Pur consapevole del fatto che centinaia e centinaia di sportivi non riescono a dormire da giorni in attesa della fine della trilogia su Roma (e fra questi Galletti, Stegal, lo Speaker, Stefano, e tanti altri), cincischio dedicando il post di questa settimana ad una gara più recente e molto meno prestigiosa. Almeno sulla carta.

Si trattava infatti di una prova dell'Oricup Inverno, la serie di gare promozionali organizzate dalle società orientistiche della Valsugana, per non far intorpidire troppo gli atleti trentini durante il lungo inverno nordico, dotata persinanche di un blog dedicato.

Ora, sì dà il caso che sabato scorso la gara fosse organizzata a Borgo Valsugana e che nello stesso posto ci fosse il raduno delle nazionali Junior e Senior, che, girava voce, avrebbero preso parte alla gara. Una gara promozionale si trasformava quindi nella gara della vita: obiettivo, battere Schgaguler e Tenani per convincere il coach a convocarmi per i mondiali dell'anno prossimo.

Certo, ad averlo saputo prima che mi giocavo i mondiali, magari il mercoledì prima non andavo a correre in Costalta partendo da casa, per un totale di 43 km e 2000 e rotti metri di dislivello. Ma per un atleta allenato come me, cosa saranno mai 63 km sforzo?

Nulla, in effetti. Ma Tenani e Schgaguler mi hanno battuto lo stesso. E anche Seppi, Corona, Caraglio, Tommaso Scalet, Giacomo Zagonel, e Riccardo Scalet (che la mattina avevano anche fatto un test sui 10.000, ma in scioltezza, dicono). E anche Fabio Daves. E anche Matteo Sandri.

La colpa colpa oltretutto non è neanche stata delle gambe dure, ma solo (beh, diciamo in gran parte) del fatto che sono un orientista un po' scarso e in 3,9 km di quasi paese sono riuscito a fare due scelte gravemente sbagliate, una discutibile e una boh. Dalla 2 alla 3 ho attraversato il ponte perché mi ricordavo che in una gara di qualche anno fa si attraversava il ponte (ma era mille volte meglio attraversare quello dopo). Dalla 6 alla 7 probabilmente era meglio andare al ponte dopo, dato che comunque ho dovuto tornare indietro. Dalla 7 alla 8 la scelta da sopra era semplicemente idiota, dato che la lanterna era in fondo alla scala (e il tracciatore l'ha messa lì solo sperando che qualche fesso ci cascasse: presente!). E dalla 16 alla 17 non so se era meglio attraversare il parcheggio vicino al campo come hanno fatto in tanti, o fare il giro che ho fatto io.

Insomma, niente mondiali. Sarà per l'anno prossimo.

7 dicembre 2013

ROME - Dies II - Villa Ada

Il secondo giorno si corre a Villa Ada e per prepararmi non trovo di meglio che scarpinare per un paio d'ore, prima da casa fino alle Catacombe di Priscilla, poi un altro po' lì, sotto terra, e poi un'altra oretta per riuscire a raggiungere il ritrovo dalle catacombe, che sono giusto a fianco del muro di cinta del parco di Villa Ada, ma il parco medesimo è grande come tutto il centro storico di Trento. Siccome siamo pur sempre degli orientisti, alla fine lo troviamo, e la nostra partenza, mia e dell'Anto intendo, è talmente tarda, che non arriviamo neanche in ritardo. 
C'è tanta gente che fa footing, tanta gente che porta a spasso il cane, uno addirittura che porta a spasso un porcellino d'india, e la temperatura è di nuovo molto piacevole, così come il clima del ritrovo, pittorescamente adagiato (il ritrovo) nel centro del laghetto a forma di fagiolo, con tante bandiere nazionali appese in giro, e qualche autoctono con lo sguardo inquietante.
Quando arriva la mia ora, in partenza ci sono solo pochi intimi, i miei avversari diretti sono tutti partiti da un po', e io mi avvio giulivo su per le scale che il Tracciatore ha pensato di regalarci come riscaldamento. Tutti quelli con cui ho parlato dicono che bisogna fare attenzione ai sentieri che o sono segnati, ma non si vedono, o si vedono, ma non sono segnati. Io per prenderci confidenza ben bene andando alla 1 faccio 3 lati di un rettangolo invece di farne uno solo, ma giungo felicemente alla meta. La 2 è lì vicino e per la 3, non volendo avventurarmi nei verdi che non si sa mai, non c'è molta scelta. Prima della 3 cerco senza successo di azzopparmi mettendo un piede in una buca, e poi c'è solo da correre fino alla 6. La 6-7 è la tratta lunga, ma dopo aver dato un'occhiata alle tonalità di verde non mi pare ci siano alternative ad arrivare in zona punto sui sentieri. Solo che poi vengo colto dalla "sindrome da attaccamento al sentiero", che spesso mi blocca quando in gare come queste devo ad un certo punto ributtarmi nel bosco. Così invece di costeggiare il bordo del verde 8 e andare in curva fino alla lanterna, cincischio lì in giro, sperperando secondi su secondi. Ma sto andando discretamente.

Per la 8 si poteva andare un po' più dritti e per la 9 correre un pelo di più (Max Bianchi mi dà 4''...) mentre la 10 è avventurosa. Il verde è proprio verde e lì in mezzo ti aspetti che possa comparire qualsiasi cosa. A comparire però sono solo dei sentieri non proprio sentieri, che comunque mi fanno arrivare davanti ad un muro, giusto in corispondenza di un buco. Non ho letto molto bene la carta e sono un po' sorpreso di trovarmi davanti un altro muro pochi metri dopo, ma la cartina conferma che va bene così, anche stavolta c'è un passaggio nel muro, e mi lancio verso la lanterna. Per la 11 basta seguire i sentieri e, anche se c'è chi lo fa meglio di me, quando ci arrivo sono secondo in classifica. Ma non lo so, ed è un peccato perchè mi avrebbe fatto bene saperlo, perchè magari avrei evitato di uscire un po' alla cavolo dal quel punto e attaccare un po' alla cavolo quello dopo il successivo (sono talmente imbranato a scavalcare i recinti anche di media altezza, che la allungo un sacco per entrare dal cancello), e magari anche di metterci 40'' più dell'Imprevedibile per trovare la 14, che non è proprio irresistibile, ma faccio casino con i recinti.

Non manca molto alla fine, ma devo tornare fra i verdoni e sento che la lucidità non è più quella dell'inizio, come testiomonia il 22esimo posto di tratta alla 14. La 15 mi grazia perché è banale, ma la 16 no. Decido che è arrivato finalmente il momento di affrontare di petto il verde e dalla radice accanto al sentiero mi butto a destra a caccia della traccia di sentiero. La traccia non appare, e il verde è come quello dell'erba del vicino, e mi rifugio sul sentiero sotto. Probabilmente ero a pochissimo dalla lanterna, ma non ne avevo idea e i rovi erano molto rovi. Quando finisco la circonvallazione ho perso più di 2' e quello che era già diventato un quarto posto diventa un settimo, che mi porterò fino alla fine.

Da lì al traguardo non c'è molto da fare, se non capire se un bellissimo sentiero non segnato in carta arriva alla 20, e all'arrivo ho quasi 6' dal Bulgaro, che ai momenti di massima gloria della 11 me ne dava solo due e mezzo.

Finisco dietro a molti degli avversari diretti per il podio della tre giorni nonchè per la classifica fra gli italiani, a poco meno di 4' da GPM, 3' da Bianchi e 20'' da Ingemar. Dietro rimangono l'Imprevedibile, che ha corso imprevedibilmente alternando migliori tempi a ventesimi, e Simone Grassi, che chiude senza infamia e senza lode.

In classifica generale, a parte la prima posizione che sembra ormai di proprietà del Bulgaro, al secolo Ivaylo Ivanov, che ha 7' di vantaggio su Tikhonov che è secondo, le altre sono, almeno teoricamente, sognabili. Sono quinto a 2'36'' da Tikhonov, 1'40'' da Pinker, 1' da Massimo. Ma ho dietro Mario a meno di un minuto e Ingemar a meno di due. 

Ce la giocheremo l'ultimo giorno, all'ombra del Colosseo.

26 novembre 2013

ROME - Dies I - Villa Borghese

Tre giorni a fine autunno a Roma a fare orienteering, che vuoi di più dalla vita per salutare la stagione agonistica e prepararsi al lungo inverno? E poi noi nordici siamo sempre convinti che a Roma, al ponte dei morti, si gira in maniche corte come a Trento in luglio, e la grande città ha sempre il suo fascino, e un amico ci presta la sua casa gratis per 3 giorni: insomma, si va.
La mia più grande impresa in questa prima edizione del ROME la porto a termine tre mesi prima del via, riuscendo ad aggiudicarmi 4 biglietti in fascia "super economy" per il Freccia-non-mi-ricordo-che-colore Trento-Roma. Non è possibile acquistare i biglietti prima di 3 mesi prima del viaggio, e 2 mesi e 30 giorni prima i biglietti scontati sono di solito finiti. Con una complessa combinazione di guglecalender e sveglie tradizionali riesco a giungere sul sito degli Innominabili nell'attimo giusto, e con 88 euro posso portare tutta la famiglia al ROME. Dato che staremo là 4 giorni, il giorno che compero l'andata non posso comperare il ritorno e quattro giorni dopo non riesco a ri-centrare la giusta congiunzione astrale. Ho il vago sospetto che i "super economomy" per il ritorno non esistessero affatto, ma non potrò mai dimostrarlo, e mi devo accontentare di 130 euro in quattro, con più di metà viaggio sul regionale che da Bologna a Trento impiega poco meno di quanto ci metterei in bici. Comunque, si va.

A Roma non è come a Trento in luglio, ma si sta proprio bene e quando sbarchiamo a Villa Borghese c'è una bellissima atmosfera, con atleti di (quasi) tutto il mondo sparsi fra gli alberi, alcuni che corrono perché già in gara, altri che chiacchierano e si divertono nell'attesa.

La M35 parte a cavallo fra il giorno e la notte e all'inizio la pila sembra superflua, ma passerà poco prima di non poterne fare a meno. Nell'allegra combriccola in griglia di partenza, ci sono parecchi dei miei compagni di giochi di quest'anno, fra cui Simone e PM Grassi, Ingemar, Max Bianchi, l'Imprevedibile Ruggiero, Eddy Sandri e i fratelli Cavara. Solo Buselli con noi non ci gioca più, ed è andato con i più bravi. Al suo posto ci sono un sacco di stranieri di cui nulla so, ma in una gara del genere in un parco penso di potermela giocare con chiunque.

Al via Simone schizza via come un indemoniato, e mi viene il dubbio che si sia allenato di nascosto, e che alla gara di domenica scorsa in Valsugana sia andato piano apposta. La 1 è uguale per tutti e corriamo su un prato in discesa fra alberi radi come tanti Peter alle calcagna di Heidi. Il più Peter di tutti è proprio Simone (si vede che vive in Sud-Tirolo!), che mi precede di 2'' sulla prima lanterna. Dato che abbiamo la stessa prima ala di farfalla usciamo dal punto nella stessa direzione e lo supero prima della 2. Fino alla 6 più che la tecnica contano le gambe, e fin lì siamo quasi attaccati.

La 7 richiederebbe qualche riflessione in più, ma già sto correndo dietro ad Heidi, e poi è anche buio e la cartina si vede a grandi linee, così prima mi lancio per la via più breve, poi cambio idea senza neanche verificare fino in fondo se era poi una così cattiva idea (e non lo era, dato che l'Anto da lì è riuscita a salirci), e faccio tutto il giro sentendomi ormai irrimediabilmente indietro. In effetti split alla mano Simone ci arriva 20'' prima di me, ma nelle successive due lanterne a lui passa un po' la sindrome da Peter e io rincorro Heidi come non mai, tanto che tornati al centro della farfalla siamo di nuovo insieme (e insieme sbagliamo anche completamente la scelta, non vedendone ben due molto più intelligenti della nostra).

Poi lui parte per un'ala diversa dalla mia e da lì in poi corro da solo, orfano anche di Heidi che è andata a letto perché è ormi buio. Il buio peraltro semplifica abbastanza le cose, dato che prendendo la direzione giusta il catarifrangente della lanterna la rivela parecchie decine di metri prima. Tutta l'ala dalla 10 alla 15 non presenta particolari difficoltà, io corro quanto posso, ma non ho idea di come sono messo. Alla 17 faccio la scelta più lunga e ondivaga che c'era e alla 18 ho qualche esitazione perché leggendo con poca luce mi sembra che il verdone sia un edificio che non vedo. Due turisti mi dicono "è là", ma ci stavo già arrivando da solo...

Dopo l'ultimo ritorno al centro farfalla si torna in zona partenza, e se all'inizio siamo scesi, stavolta tocca salire. Non è una gran pendenza, ma a questo punto della gara la sento tutta. Anche perché giurerei di avere qualcuno pochi metri dietro, e corro come un forsennato senza voltarmi a controllare per non perdere istanti preziosi. 23, 24 e 25 non presentano nessuna difficoltà, e alla 26 salto due di un'altra categoria, che mi avrebbero potuto far perdere tempo, mentre loro cercano la stazione in basso e io la punzono sopra le loro teste. Da lì in poi, mentre continuo a tirare più che posso, comincio a pensare che mi va bene anche che chi mi insegue mi superi, basta che faccia in fretta, perché non ce la faccio più.

Dopo il finish mi butto per terra come quelli forti, tanto che Zarfati viene a chiedermi se va tutto bene. Quello dopo di me arriva 10'' dopo, e gli split dicono che alla 22 era 6'' dietro, quindi non proprio a pochi metri. Vabbeh.

Le classifiche dicono che sono terzo, un minuto e mezzo dietro all'Imprevedibile, che deve proprio essere andato come un treno, e 19'' dietro il bulgaro Ivaylo Ivanov. In chiave di classifica generale, ho messo in musina un po' di vantaggio sugli altri compagni di giochi: 1'40'' su Max, 2'11 su Ingemar, 3'37'' su Peter Grassi e addirittura 5'28'' su GPM, che però, fra i rovi di Villa Ada del secondo giorno, potrebbe rifilarmente anche di più.

Comunque, bello!

11 novembre 2013

Coneglia, no.

So che ho in arretrato varie gare, fra cui quelle della 3 giorni internazionale di Roma, che probabilmente hanno più appeal della finale del tour trevigiano 2013, ma facciamo che almeno una la racconto poco dopo che è successa.

E poi è una di quelle sfigate che hanno più audience.

Io con Conegliano c'ho un brutto rapporto. Il finale di stagione è tradizionalmente a livello di risultati il mio periodo d'oro, anche perché si corre quasi sempre in città, che è il mio terreno più preferito (e dove non si corre il VERO orienteering, ma ça va sans dire). E in questo periodo d'oro io di solito arrivo sempre a Conegliano da favorito (almeno nella mia testa) e me ne vado cornuto e mazziato. E quest'anno non si è smentita la tradizione.

La carta di Conegliano non è fantastica, e quest'anno è anche orfana della parte più bella, che è sotto embargo "di livello 2" per il trofeo Alpe Adria dell'anno prossimo. Ciononostante quando scorgo sul sito FISO che c'è questa gara, che in tempi di vacche grasse avevo scartato, mando a remengo i miei tentativi di diventare un buon marito dedicando la domenica alla famiglia, e mi ci fiondo. Vuoi che al terzo tentativo non riesco a vincere a Conegliano? I più agguerriti in griglia di partenza sono Walter Giovanelli, specialista dei centri storici, Michele Candotti, già campione italiano sprint fra i master, Andreas Weitlaner, che due anni fa qui mi ha dato un paio di minuti, e i Ceki, di cui nulla si sa.

In partenza non mi sento proprio lucidissimo, ma tempo 200 metri e sono già in testa, anche se inspiegabilmente gli split alla prima lanterna mi danno 27esimo con un tempo di 11ore 59minuti e 57secondi. La numero 2, sempre split alla mano, la corro decisamente meglio, impiegando --:-- per un totale di 28'' di gara che mi piazzerebbe al secondo posto, ma alla 3 sono finalmente primo con un totale di 2.11 e 7'' di vantaggio sul ceko Svadlena. Fin qui la gara è molto scorrevole, e lo è anche al punto 4, dove porto a 9'' il mio vantaggio sul secondo, che è ora Giovanelli. Alla 5 ci vuole un minimo più di attenzione perché c'è un porticato, che seduti alla scrivania si interpreta senza problemi, mentre in corsa un po' meno. Ma lo piglio giusto e con un altro miglior tempo volo a -13'' da Giovanelli. 

Quella dopo è una "tratta lunga", un rettone dove c'è tutto il tempo per preparare il punto successivo. Lanciato a folle velocità individuo senza dubbio alcuno il passaggio per salire alla 6 e da lì mi preoccupo solo di prendere il riferimento giusto per la deviazione. Senza rallentare di un pelo supero la prima strada che scende da destra, la seconda strada che scende da destra, il primo caseggiato, e mi fiondo a destra. Giunto nel secondo cortile e non vedendo passaggio alcuno verso il prato dietro, vengo colto da un inizio di dubbio, ma prima di arrendermi all'evidenza faccio mezzo giro alla casa e, preso atto che non posso passare dal soggiorno dei locali, sono costretto a fare marcia indietro. Tra un porco e l'altro mi chiedo se questo sarà sufficiente a non farmi vincere a Conegliano neanche questa volta (e la risposta, scroprirò dopo, è quasi sì, dato che Giovanelli mi dà 43'' e Svadlena 44'') e mi precipito nel buco giusto, dove ignoro una signora che vorrebbe mandarmi a sinistra sotto il portico, mentre io faccio il giro da destra (e probabilmente c'aveva ragione la signora).

I successivi punti dal 7 al 14 li corro "a tutta" e alla 14 sono di nuovo primo. Alla 15 accade un non dimostrabile fatto increscioso. È vero che io cincischio un po' in uscita dal punto, ma sfido Bolt a metterci 22'' meno di quanto ci ho messo io a fare il giro che rispettava i verdi non attraversabili. Eppure Svadlena ci riesce. I 10'' in meno che ci mette Giovanelli sono più umani, un po'. Comunque, sono di nuovo dietro. E quindi corro, corro e corro, e c'è da fare poco altro per la 16 e la 17, e da aggiungerci un minimo di attenzione per la 18 e la 19, che sono in mezzo alle case, ai muretti e alle aiuole. Morale, alla 19 sono 2'' dietro a Walter e 2'' davanti a Pavel.

Ma qui succede il secondo fatto increscioso del giorno, e questa volta è pure dimostrabile. Dopo aver corso corso corso il rettone, c'è un edificio in mezzo ad un incrocio. È tutto da dimostrare che prendendolo a destra si faccia prima che prendendolo a sinistra, ma in ogni caso la cartina dice che si può fare una cosa o l'altra. Io decido che è molto più furbo andare a destra, arrivo fino allo spigolo opposto della casa, e mi trovo davanti la sparangola del garage sotterraneo che blocca l'uscita. Riguardo la carta, che riporta inequivocabilmente un passaggio, ma non mi resta da fare altro che tornare sui miei passi e completare il giro intero attorno al casone.
Alla 20 ho 38'' da Walter e 25'' da Pavel e c'è ormai troppo poca strada per sperare di riprenderli un'altra volta. Dato che sono piuttosto contrariato per lo scherzetto dell'angolo, approfitto anche per scegliere un tragitto non ottimale per la 21 e regalare altri 7'' ai battistrada, e poi più o meno andiamo fino al traguardo alla stessa velocità. Chiudo terzo, a 19'' da Pavel e a 45'' da Walter (che nelle 3 edizioni di Conegliano che ho corso, mi ha battuto tutte le volte).

Tanto per chiudere in bellezza, mentre mangio la mia pizza portata da casa chiacchierando con l'orientista più affascinante del mondo, quella cui il dislivello le fa una pippa, e Stefano Zonato, uno dei due pezzi di pizza mi cade per terra, e prima che io abbia il tempo di raccoglierlo e soffiarci sopra per disinfettarlo, la belva di Zonato se l'è già pappato. Coneglia, no.

29 ottobre 2013

San Pietro e l'Arge Alp


DRIIIIN! DRIIIIN! DRIIIIN!
- Pronto?
Pronto, buona sera, sono San Pietro, il signor Pedrotti è in casa?
- Sì, buona sera, sono io
Scusi se la disturbo a quest'ora, sa chi sono?
- Come no, adesso scantono un po', ma ero parecchio praticante, qualche anno fa
Ah, bene bene, e Vladimir Pacl, lo conosce?
- Certo che lo conosco, il profeta dell'orienteering in Italia!
Ottimo, allora non potrà negarmi il Suo aiuto, mi auguro
- Ma certo, mi dica cosa posso fare
Vede, Vladimir è ancora un grande appassionato di orienteering e non passa giorno che non dia un'occhiata a tutti i blog che ne parlano.
- Ma dai, non sapevo che ci fosse internet anche di là!
Sì, c'è, ma non mi interrompa. Vladimir, dicevo, oggi stava facendo il suo solito giro fra i nuovi post e ad un certo punto ha cominciato a urlare come un pazzo dicendo che non è possibile, che allora ha sbagliato tutto e che vuole assolutamente tornare di là.
- Di là di qua?
Sì, di là di là 
- Ma dai, neanche questa non la sapevo, si può anche tornare di qua?
Sì, si può, ma non lo fa mai nessuno, perché si ritorna nello stesso posto dove si è nati la prima volta e bisogna ricominciare tutto da capo.
- Cioè lui tornerebbe in Cecoslovacchia sotto il comunismo?
Sì, esatto
- Cazzarola, non proprio rose e fiori, non è venuto in Italia proprio per scappare da lì?
Sì, ma ha detto che deve tornare, per evitare che si arrivi a questo punto.
- Perché, potrebbe cambiare qualcosa di quello che ha fatto?
Certo, potrebbe rifare ogni scelta da capo, dalla prima all'ultima, e tutto, anche il presente, cambierebbe di conseguenza.
- E ha detto cosa deve tornare a cambiare?
Ha detto che deve tornare per non scappare più in Italia, che è meglio il carcere in Cecoslovacchia piuttosto che dover poi leggere certe cose.
- Addirittura! E cosa ha letto di così tragico?
L'ultimo scritto dello Scanner
- Chi? Lo Scairanner? Il mio libro?
Ma no, lo Scanner, quello panzottello impiegato!
- Ah, lo Speaker!
Ma sì, dai, Scanner, Speaker, cambia poco.
- Se lo dice Lei...
Comunque, Vladimir ha detto che non si è mai vergognato tanto in vita sua come oggi, che  meglio tornare a farsi torturare dai comunisti che avere una qualche responsabilità in quello che lo Spoiler ha fatto domenica scorsa
 - Speaker...
Sì, sì, Speaker. Ma Lei lo ha letto cosa ha fatto sto Speaker? Che Vladimir non me lo ha voluto dire.
- Eh, ho letto sì
E?
- Eh, piuttosto imbarazzante, effettivamente
Ma imbarazzante quanto?
- Eh, parecchio
Sì ma parecchio quanto?
- Guardi, lo stesso Speaker l'ha definite "la scelta più sbagliata, più sbagliatissima, più incomprensibile della storia dell’umanità orientistica planetaria"
Ah, però...
- Eh... ma dica un po', cosa c'entro io?
Ho pensato che se Lei scrive qualcosa di appassionante magari Vladimir si consola un po' e cambia idea, sa, il Capo non la prenderebbe bene se qualcuno tornasse di là
- E Lei ha pensato a me? Che onore!
Ma, a dire il vero ne ho chiamato qualcun altro prima, ma Larrycette mi ha risposto "San Pietro? Mai sentito nominare, è mica parente di San Daniele?", Orirauss era occupato con la Marty, il Manager aveva da fare su Facebook, Tenani e Corona sono via con la Forestale, Cosim-o è preso con i mondiali dell'anno prossimo, Madella, Eddy, Dipa e Rusky hanno smesso di scrivere,  Zonori è in anno sabbatico da due anni, Cjatile non scrive da giugno, Oriciobin da Agosto, Pillole di Orienteering da settembre, Tsitalia non supera mai le 3 righe, Zarf-o è occupato con le gare di Roma, Orizen pensa solo ai numeri e Orimaster mi sa che è meglio che non lo chiami dopo che domenica ha preso 9 minuti in una gara di centro storico... 
- Cioè io sarei l'ultimo della Sua lista?
...
- No, guardi, sono troppo stanco oggi
Ma dai, non faccia il permaloso, lo faccia per il vecchio Vladimir, che era anche amico di suo suocero!
- Beh, sì, in effetti è vero, gli ha anche regalato il berrettino azzurro...
E poi Lei è sempre andato bene al memorial Pacl, no? 
- Sì, è vero, ma quest'anno non posso neanche andarci, è durante le gare di Roma...
Dai, almeno le cartine dell'Arge Alp potrebbe metterle, era una gara internazionale, sono certo che a Vladimir farebbe molto piacere...

- Ah, già, l'Arge Alp, eh, potrei anche metterle
E poi non è neanche andato tanto male, no?
- Beh, dai, insomma, all'individuale sono andato discretamente, a parte una cappella all'inizio inizio che ho preso una salita per una discesa e ho sbagliato sentiero, e un po' troppa indecisione dalla 6 alla 7 che mi è costata più di un minuto e qualche posizione di classifica, però nella staffetta ho fatto un po' pena
Davvero?
- Eh, all'inizio per evitare di farmi condizionare dagli altri sono partito in testa e mi sono condizionato da solo, ci ho messo due lanterne a entrare in carta...
E poi?
- Poi ne avevo ripresi vari ma ho perso un po' di tempo alla 10, dove mi sono fatto attirare dai sassi sbagliati, e alla 16, dove ho perso un secolo perché come al solito mi sono fatto distrarre da due che non erano neanche della mia categoria.
Però è stato bello, no?
- Oh sì, bello è stato bello, c'era anche un sacco di neve, le cartine, soprattutto quella della staffetta, non erano per niente banali, in hotel c'era la sauna ed è sempre bello partecipare alle manifestazioni a squadre assieme alla rappresentativa del Trentino
Ecco, dai, da bravo, apra il pc e lo scriva, che a Vladimir farebbe tanto bene leggerlo
- Vabbeh, se insiste tanto io posso anche farlo, ma non so se è abbastanza per fargli dimenticare quello che ha fatto lo Scooter
Ma non ha detto che si chiama Speaker?
- Sì, ma sta volta se era uno Scooter era meglio...
Ah, vabbeh, ma Lei comunque scriva
Va bene, adesso mi metto lì e scrivo
Ecco, bravo, vedrà che gli facciamo cambiare idea al vecchio Pacl.
- Eh, speriamo vah, La saluto
Tanti saluti anche a Lei, e grazie!
CLIC.

 

11 ottobre 2013

O-marathon 2013


Il tempo è stato molto migliore del previsto, almeno per buona parte della giornata, e la carta era certamente bella, ma a me questa formula della O-marathon non mi ha convinto. Tre cambi di carta in zona partenza per 4 giri di lunghezza e difficoltà crescente. Più che una O-marathon (= una gara lunga in cui ti sposti da un punto all'altro anche con lunghi trasferimenti suggestivi e panoramici e nel frattempo fai anche orienteering) è stata una somma di 4 gare. Anche belle, soprattutto l'ultima, ma la O-marathon, almeno per me, era un'altra cosa. Sono comunque arrivato al traguardo in stato pre-comatoso (come può ben testimoniare lo scatto sotto di OriCosa&Coso), ben diverso dal baldanzoso giovane che era partito al mattino (come può ben testimoniare lo scatto sopra di OriCosa&Coso). Due menzioni particolari per le tratte 3-4, 4-5 e 6-7 dell'ultima cartina, particolarmente tecniche (infatti mi sono perso alla 4 e ho mangiato mirtilli per 20 minuti) e per la tratta 11-12 sempre dell'ultima cartina (quindi per me dopo 4 ore di gara) particolarmente bastarda: 25 (venticinque!) curve di livello.
Se tutto ciò premesso, avete ancora voglia di leggere qualcosa di mio sulla gara, potete andare sotto, dove ho riportato l'articolo scritto per Distance+, dove comincio a tentare di convertire quei pagani.



La O-marathon è quanto di più “plus” esista nel mondo dell'orienteering, ma è decisamente poco “trail”. In quella specie di caccia al tesoro che è l'orienteering, dove lo scopo del gioco è raggiungere nel minor tempo possibile una serie di punti segnati su una mappa, aiutati solo da una bussola, i sentieri sono infatti solo una botta di culo, e nella maggior parte dei casi non vanno dove servirebbe a te. Nelle O-marathon passate in realtà qualche metro in più sui sentieri si faceva, ma così non è stato quest'anno, quando dei 30 e passa chilometri della categoria dei più fighi, ne avrò corsi forse un paio su qualcosa che avesse l'aria di un percorso tracciato di qualche genere. Per il resto sono stati prati, rocce, sottobosco, cespugli di rododendri, piante di mirtilli e combinazioni varie di tutti questi elementi.

La O-marathon è stata inventata 6 anni fa dalla fervida mente di Roberto Sartori del Gronlait Orienteergin Team, quando trail e ultra trail li conoscevano solo gli adepti, ed era stata battezzata un po' pomposamente “una avventura lunga un giorno”. Abituati a gare fra i 10 e i 15 km, per gli orientisti una roba da più di 30 chilometri con quasi mille metri di dislivello sembrava davvero un'impresa. E non era un'impressione del tutto sbagliata. Se infatti in una sky-marathon l'unica lucidità che è necessario mantenere fino alla fine è quella sufficiente a distinguere una fettuccia segna percorso da un qualsiasi elemento della natura, nell'orienteering è assolutamente fondamentale arrivare fino all'ultimo metro, in grado di intendere e di volere pena. Perché in caso contrario alla fine semplicemente non ci arrivi più, e vaghi nel bosco fino alla fine dei tuoi giorni.

Quest'anno la gara si correva a Passo Coe, vicino a Folgaria, e prevedeva una formula con tre cambi di carta. In pratica, dopo la partenza e un primo percorso di 12 lanterne si tornava di nuovo al punto di partenza, dove si prendeva un'altra carta e si ripartiva per altri 14, poi di nuovo altra carta e altri 16 punti, per finire con l'ultima carta con altri 15. E naturalmente quel sadico del tracciatore aveva tenuto per ultimo il percorso più lungo, con più dislivello, e tecnicamente più difficile. Dopo un'estate di allenamenti e gare “plus”, mi sono presentato al via pieno di consapevole baldanza, certo che i più giovani avversari sarebbero schiattati dopo i primi venti chilometri. Così quando loro sono schizzati via allo start e li ho persi di vista quando non ero ancora arrivato alla seconda lanterna, non mi sono preoccupato affatto.

I primi 12 punti erano una specie di assaggio, non banali ma neanche troppo complicati. Un po' di prati, tanti semiaperti (che in gergo sono quelle zone in cui non sai bene se sei in un prato o in un bosco) e forme del terreno abbastanza comprensibili da non perdersi troppo. Ciò nonostante riesco a sprecare un paio di minuti alla lanterna 10, perchè ho stimato male, anzi, non le ho proprio stimate, le distanze, e così confondo una bucona per un'altra, non capendo più nulla quando me ne trovo davanti un'altra ancora. Quando ripasso dal via mi dicono che sono quarto, le gambe girano, e il morale è alto.

Il secondo percorso è ufficialmente di 5,3 km con 190 metri di dislivello, ma sono misure del tutto indicative, dato che sono prese in linea d'aria da una lanterna all'altra. C'è da correre e da salire e scendere, più prato che bosco questa volta, ma tecnicamente fino alla 9 è tranquilla. È vero che io comunque un minuto abbondante per andare alla 8 lo perdo, ma è solo perchè dovevo andare via perfettamente in curva (che in gergo vuol dire proseguire lungo la costa della montagna senza salire né scendere, seguendo idealmente la curva di livello) e invece alla fine sono salito un botto. La tratta dalla 9 alla 10 invece è bella tosta, perchè manca una linea di conduzione, cioè qualcosa di evidente da seguire. Bisogna studiarsi per bene la carta, capire cosa dice, e scegliere il percorso più breve ma anche più sicuro per arrivare alla roccia vicino alla quale è segnata la lanterna. Decido di evitare la linea più diritta, dato che in carta sono segnate forme del terreno incasinatissime e quindi molto difficili da riconoscere, e allungo un po' per appoggiarmi a due avvallamenti piuttosto evidenti. Si rivela una buona idea e in zona punto raggiungo due dei giovincelli che mi avevano staccato. Quando poi, dopo che ho trovato la 11, li vedo in un posto che non c'entra nulla mentre ancora la cercano, scappo via tutto soddisfatto e mi appresto a finire anche la seconda carta. Al nuovo cambio addento il panino che un addetto dell'organizzazione stava mangiando in un posto troppo vicino al mio passaggio e bevo un paio di bicchieri d'acqua. Come scoprirò più avanti era meglio se di morsi ne davo un paio di più, ma riparto ancora di slancio.

Questi nuovi 16 punti sono molto filanti, con molto prato e una tratta da quasi un chilometro e mezzo quasi tutta su forestale. Dato che uno dei giovincelli che avevo superato mi ha raggiunto, non lesino entusiasmo sulla forestale, spingendo ad una andatura che mai mi sognerei in una gara di trail (e che naturalmente pagherò dopo) e tenendolo sempre un paio di metri dietro. Quanto torniamo in partenza per l'ultimo cambio di carta siamo ancora insieme. Però, gli altri giovincelli non sono ancora crollati, strano. Prima di ripartire arraffo tre biscotti secchi e mezzo pugno di uvetta, mi si incolla tutto giù per la gola, ma è meglio di niente. Se penso a quanto nelle mie ultime gare extra long ho curato l'alimentazione durante la gara, con il senno di poi mi sento proprio un pirla. Ma del senno di poi...

Ingoiato in qualche modo il pastone riparto per l'ultimo giro. Non ho il coraggio di guardare cosa c'è scritto nella casellina “distanza”, ma so che all'appello manca il giro da 9 km e rotti. Già alla 1 semino uno o forse più minuti in una odiosa zona di semiaperto: è vero che la lanterna è in una buca nascosta da una parte da un cumulo di sassi e dall'altra da un albero, però avevo riconosciuto bene il posto dove doveva essere e ci ho girato intorno scioccamente. Altri secondi persi alla 2, non lontana da un sentiero, dimostrando che la lucidità non è quella di un paio di ore fa. La 3 è bastardissima. Già per arrivarci nei paraggi bisogna studiarsi molto bene avvallamenti e collinette per quasi un chilometro, poi quando ci arrivi a pochi metri non la vedi comunque. È una di quelle lanterne “da istinto”, che trovi solo perchè “senti che deve essere lì”. Arrivato in vista della buca dove suppongo che sia, prima devo evitare di cadere nei micro crepacci che la circondano, poi devo arrivare fin sul bordo per vedere il telo bianco e arancione, e poi devo scavalcare vari rami per riuscire a scenderci. Ma che soddisfazione! Riparto abbastanza entusiasta per la 4, che a vederla sembra ostica, e invece sarà fatale. Mi ci avvicino con tutta la cautela del caso, tentando inutilmente di riconoscere delle forme del terreno che mi sono del tutto oscure. Quando penso di essere arrivato dove dovrebbe essere, la lanterna non c'è, e niente intorno a me mi aiuta a capire dove sono. Prima di trovarla vagherò nella zona per più di 20 minuti, parte dei quali trascorsi a mangiare mirtilli, dato che ce n'erano un sacco e ormai la gara era andata.

Trovata alla fine e molto per culo la lanterna, e deciso che fa troppo freddo e sono troppo poco vestito per dedicarmi anima e corpo alla scorpacciata di frutti di bosco, riparto verso la 5, che, pur non essendo altrettanto difficile, mi mangia comunque altri 5-6 minuti per carenza di ossigeno ormai conclamata al cervello. La 6 è vicina, la 7 e la 8 mi graziano perchè anche se sono lontane, almeno sono in discesa. Per la 9 si sale un po', la 10 e la 11 sono interlocutorie, e la 12 è la mazzata finale: 25 curve di livello da superare in 500 metri, che, dato che ogni curva rappresenta un dislivello di 5 metri, vuol dire un totale di 125 metri. Quest'anno ho corso gare da 3600 metri di dislivello, ma nessuna salita mi ha depresso più di questi 125 metri, percorsi poco più che passeggiando, con le gambe in riserva e la fame che si era ormai completamente impossessata di me, tanto da sognare di trovare almeno un porcino da divorare a morsi.

Ma niente da fare, solo una fragola del peso di un paio di grammi. Almeno non sbaglio neanche di mezzo metro e trovo la lanterna al primo colpo, meritandomi, prima degli ultimi 50 metri di dislivello, un po' di discesa per rifiatare. All'arrivo sono più cotto che alla fine della Maddalene Sky Marathon e trovo i giovincelli che avrebbero dovuto scoppiare freschi e ormai quasi riposati, dato che sono arrivati da mezzora. Fa male al morale, ma per le 3 ore successive non penserò ad altro che a mettere roba nello stomaco. Magari un paio di barrette in tasca non avrebbero proprio dato fastidio.

3 ottobre 2013

Val Badia 2013

L'ho già menata talmente tanto con la Val Badia negli anni scorsi, che non occorre che stia qui di nuovo a dire che è un bellissimo posto dove fare orienteering (e qualsiasi altra cosa, per altro, ah, no, peraltro). Confermo che era bellissima anche quest'anno, e proseguiamo.

Oltre ad essere bellissima, è anche un posto con il quale ho sempre avuto un certo feeling, dato che ci ho corso 3 volte e sono arrivato tre volte sul podio. Sarebbe un peccato rovinare la media, e quella di sabato sembra una gara fatta apposta per me, un centro storico da correre molto, senza Cipriani e Buselli da cercare di seminare. Anche qui, è inutile menarvela punto per punto. Ho vinto. Ci ho impiegato un po' a capire che quelle roselline non erano tutte strade asfaltate ma bisognava stare attenti a come era sgnato il bordo (tratteggiato=sterrato, continuo=asfalto), ho perso il solito mezzo minuto abbondante per posare per il fotografo (Emiliano Corona, appostato dalle parti della 7, dal quale mi sono lasciato distrarre quel tanto da partire come un missile per la direzione sbagliata e dover fare la circonvallazione per arrivare alla 8), ho mancato la stradina giusta scendendo da quella prima per andare alla 13, potevo fare una scelta impercettibilmente migliore andando alla 16 dal sentierino fra le case invece che dalla strada, e ho fatto una scelta impercettibilmente migliore andando alla 17 dal prato invece che dalla strada. 

Mi avrebbero fatto una bellissima foto sul podio, con tanto di maxi assegno della Heissman che mi ha elargito 100 euro di consumazione prova, ma nessuno dei miei fan me l'ha mandata, quindi passiamo oltre. Anzi no, adesso me l'hanno mandata, quindi la posso aggiungere, che mi hanno sempre affascinato le premiazioni con gli assegnoni (in questo caso i 200 erano da dividere fra M e W e non erano in contanti, ma l'assegnone fa sempre la sua porca figura).


La domenica si torna in quel posto bellissimo dove ho fatto la foto di sfondo di sto blog, ma sta volta da lì si andrà in giù, invece di scorrazzare per i prati che tante soddisfazioni mi hanno già dato. 

Dopo una notte in tenda nel bosco per l'operazione spendingreviu, arrivo alla gara baldanzoso come sempre, e baldanzo fino alla 3 dove raggiungo e supero Eddy partito 6 minuti prima di me. Poi un po' scatta il solito meccanismo "oddio sto correndo assieme a qualcun altro vediamo cosa fa, no non guardiamolo, no devo solo non pensarci ecc. ecc. ecc.", e un po' devo prendere atto che semplicemente lui quel giorno ha più gambe di me. È parecchio scocciante, ma mi ritrovo dalla parte insolita di quelle coppie in cui uno corre come un matto e l'altro lo continua a raggiungere perché il primo sbaglia. Io faccio quello chirurgico, lui quello esuberante. Peccato che alla 10 il chiru porta l'esu in tanta mona e entrambi ci perdono allegramente 4 minuti, principalmente per il fatto che il chiru non si è preso la briga di vedere con i suoi occhi il laghetto da cui voleva attaccare il punto, né di contare quante curve doveva scendere, e l'esu si fidava del chiru. Da lì in poi continua il tira e molla fra me e Eddy, ma ho sul morale, oltre che le sue continue ripartenze per me in quel momento incontenibili, i 4 minuti persi, e in più non è che sia proprio giornata (tipo, per la 10 bastava buttarsi nel vallone fino a sguazzare nel laghetto di cui sopra e poi andare via in curva, mentre io scendo tutto circospetto chissà per quale motivo). 

L'ultima volta che raggiungo Eddy è alla 17, poi mi semina definitivamente, dato che io faccio le ultime 7 lanterne benino ma con andatura da fungaiolo. Al traguardo mi mangio una dozzina di mezze brioches annaffiate da 5 o 6 bicchieri di thè, confessando così a me stesso che ero anche discretamente in crisi di zuccheri, e poi ripiglio la funivia per andare in zona ritrovo, in cima al Piz Sorega.

Rovino la mia media badiota con un quarto posto a un minuto e un po' da Ingemar, ma non rosico neanche tanto, perchè non mi sarei proprio meritato di più (e oltretutto prima di me si sarebbe piazzato anche SGrassi, che è partito prima del via per motivi famigliari, ed è stato tradito dal finish che misteriosamente non ha funzionato). Non un gran modo per terminare la Coppa Italia, ma del resto l'avevo cominciata anche peggio, quindi va bene così.


20 settembre 2013

Sellaronda running


Chi ha corso in Val Badia non può non ricordare quel panettone di roccia che si erge a est di Piz Sorega (e se non se lo ricorda, basta che guardi in alto a destra...). È il gruppo del Sella, ed è bellissimo. La Dolomites Sky Race ti ci porta in cima, ma c'è una gara che ti fare tutto il giro. L'anno scorso dopo la  staffetta a Corvara del TdR, tornando in albergo avevo visto arrivare, verso le 16, gli ultimi concorrenti. Erano partiti alle 6, e allora la cosa mi sembrava un po' fuori.


Un anno dopo, e soprattutto per colpa di quelli dell'Er-team che l'inverno scorso mi hanno istigato all'Ultrabericus, parecchio fuori ci sono arrivato anch'io, così mi sono iscritto al Sellaronda Running, perché ormai nella mia mente malata 56 km con 3650 metri di dislivello sono una passeggiata. Quello che ne è venuto fuori potete andare a leggerlo sul sito DistancePlus, con cui, grazie ai contatti nati con il mio libro, ho iniziato una nuova e gratuitissima collaborazione.


È ormai evidente che non arriverò entro l'anno al milione di copie vendute, ma le cose da cui nascono altre cose secondo me valevano sempre la pena di essere fatte. Nel caso specifico, quelli di DistancePlus ancora non lo sanno, ma il mio fine principale è quello di convertire all'orientismo tutti i loro lettori.

Qui sotto qualche immagine che magari a qualcuno gli viene voglia.

E a proposito di Val Badia, arrivederci lassù!


12 settembre 2013

Campionato Italiano Long: non è destino


Io e il campionato italiano long non siamo evidentemente fatti l'uno per l'altro. Nonostante sia arrivato all'appuntamento in condizioni fisiche fantasmagoriche e in condizioni tecniche sufficienti, e abbia adottato nei giorni precedenti alla gara un profilo così basso che neanche Cenerentola, non è andata neanche questa volta. Alla medaglia ci sono arrivato più vicino del solito, ma non sono stato abbastanza bravo neanche sta volta.

Trasferimento in cabinovia fino alla zona arrivo e poi in seggiovia fino alla partenza, c'è un pelo troppo vento ma è un gran bel posto. Non è la Val Badia, ma non ci manca moltissimo. Alla partenza sono concentrato e motivato, e in riscaldamento le gambe hanno detto che ci sono.

Ma sono pur sempre due mesi che non prendo in mano una cartina, così alla 1 invece di attraversare dritto la palude faccio un giretto da sotto, e alla 2 invece di andare via in curva faccio un altro giretto da sotto. Dopo 2 lanterne ho già due minuti dal primo, Carlo Cristellon, che ci ha messo meno di due minuti per farle entrambe, ma la gara è lunga. Per la 3 sperimento se è vero che con tutta sta corsa in montagna le gambe tengono bene anche in discesa, e mi butto gagliardo giù per la pista da sci. Sì, è vero, miglior tempo con 7'' di vantaggio su CC. Per la 4 invece sperimento se è vero che con tutta sta corsa in montagna non mi ricordo più come si fa orienteering, e invece di prendere subito la strada sotto la costruzione salgo ad attraversare un ponticello che ha il solo merito di essermi piaciuto mentre ci passavo sopra in funivia. Sì, è vero anche questo, e quando rientro in me vedo laggiù Ingemar, partito 2' dopo di me, che entra nel bosco 10 curve sotto di dove sono malauguratamente andato a finire. 3 i minuti gentilmente regalati agli avversari. Per fortuna la 5 chiede solo di andar su dritti, e andando alla 6 pare che io sia rientrato in possesso delle mie facoltà orientistiche di base. Alla 7 riduco a soli 12'' (su tre minuti) il distacco dal miglior tempo, entrando al momento giusto nel bosco dopo la pista, ma uscendo probabilmente troppo tardi da quello prima, dove si correva male e si rischiavano le caviglie, fra i mirtilli e le zollone di erba.

La 8 è la mia lanterna migliore, 32'' meglio di CC: io mi limito a buttarmi nel bosco, superare il torrentello e scendere lungo il lato sinistro di un evidente boschetto di abeti nani e verdissimi. Da lì c'è la tratta "lunga", bisogna scegliere se andare in curva nel bosco o scendere e salire lungo le piste. La costa non mi sembra bellissima, correre corro, e allora giù e su. Gli split dicono secondo tempo con 24'' di distacco da CC, ma può essere che me ne giochi parecchi arrivando alla pista cincischiando nei verdini, e un altro po' con un rallentamento in zona punto. In ogni caso correndo nei prati e in salita nel bosco supero e stacco Stefano Gottardi che partiva 6 minuti prima di me, e alla 9 sono terzo,  a tre minuti esatti da CC e a 37'' da Buselli.

Ho ancora la SI card nella stazione della 9 che mi sto già lanciando lungo la linea di massima pendenza verso la 10, tenendomi a est del vallone. Arrivato sul piano vedo alla mia sinistra la piazzola con radura, oriento la bussola e mi lancio in azimut verso la 10. Mi affaccio dal piano e mi appare... Marco Bezzi. Tre i pensieri che si affacciano alla mia mente:

1) "Sono caduto in braccio a Bezzi, quindi la lanterna è qui, quanto sono figo!"
2) "Bezzi è partito un secolo prima di me, quindi sono un orientista!"
3) "Perchè Bezzi sta bestemmiando in tutte le lingue del vecchio continente?"

Molto in breve, era lì da mezzora, e non aveva ancora trovato la lanterna. Ora, se Marco Bezzi mi dice che la lanterna non c'è o non è dove dovrebbe essere, io chi sono per non crederci? Considerando che lì intorno ci sono anche Andrea Gobber, Giuliano Rampado, Manuel Negrello, e più tardi anche Simone Grassi e non mi ricordo chi altro, che pascolano nel bosco, dopo una decina di minuti di avanti e indietro più che altro per poter dire di aver cercato, decido che la lanterna non c'è o non è dove dovrebbe esserci, e me ne vado.

Ora, non si sa se la lanterna era dove doveva essere (se qualche buon'anima ha una traccia gps la vedrei volentieri, dato che proprio quella mattina il bagagliaio si è masticato il mio, di gps, e non ho potuto usarlo in gara), ma sicuramente c'era, dato che in molti l'hanno trovata. Chi in meno di 3 minuti come CC, Ingemar e Ruggiero, chi in 9 come Buselli, chi in 12 come Bianchi, chi in 28 e 50 come Simone Grassi. Numeri dai quali sembrerebbe di capire che qualcosa che non andava ci fosse, ma rimane il fatto che qualcuno l'ha trovata al volo e questi qualcuno hanno quindi meritato la medaglia.

Per quanto mi riguarda da lì in poi ho fatto finta di non aver fatto PM e ho tirato quanto potevo. Per la 11 bisognava correre quanto possibile su piste e sentiero e poi si attaccava bene dal tavolo con panca, per la 12 si poteva salire al sentiero e poi scendere dai torrentelli o andare via in costa e poi dare un'occhio in su dopo il torrente verdino, per la 13 si poteva cercar rogne entrando subito in costa o andarsela a prendere comodamente dall'alto superato il torrente (magari senza scendere stupidamente prima della pista per poi risalire, come ho fatto io). La 14 era via in costa, la 15 più o meno anche, per la 16 si saliva fino ad avvistare la radiciona (con tutto l'albero attaccato) e per la 17 bastava averne ancora e arrampicarsi, prima dello sprint a S in discesa.

Come orientista direi che sono come minimo stato rimandato al prossimo appello.

La staffetta? L'ho corsa in seconda frazione perché in teoria il mio compagno doveva partire per tornare a casa appena finita la sua gara, e da ultra competitivo (per quanto in via di miglioramento) quale sono, mi è sempre difficile partire per una gara quando quello della mia categoria partito subito prima di me, è già andato da 20 minuti abbondanti. Ho fatto il mio compitino, in una giornata molto umida e bagnata, ma meno di quello che minacciava di essere. C'era tanto da correre, ma non solo. Io ho buttato un sacco di tempo alla 4 perché non sono uscito subito sul semiaperto come mi ero riproposto di fare, ho arrancato più del previsto per arrivare su alla 7 e mi sono fermato a cercare la 16 nel boschetto prima delle seggiovie, dimostrando di essere ormai alla frutta. Nel complesso, senza infamia e senza lode.

Chiudo con un grandissimo in bocca al lupo al mio Suocero Presidente,  che durante il fine settimana apricano non si è sentito bene (c'è chi dice, per non aver retto l'emozione di aver battuto Ernesto Rampado nella gara di sabato). L'hanno tenuto in ospedale per accertamenti e lui è tutto agitato perché deve preparare la gara della Vela del 21 settembre. Tanti, tanti, tanti auguri!