20 settembre 2013

Sellaronda running


Chi ha corso in Val Badia non può non ricordare quel panettone di roccia che si erge a est di Piz Sorega (e se non se lo ricorda, basta che guardi in alto a destra...). È il gruppo del Sella, ed è bellissimo. La Dolomites Sky Race ti ci porta in cima, ma c'è una gara che ti fare tutto il giro. L'anno scorso dopo la  staffetta a Corvara del TdR, tornando in albergo avevo visto arrivare, verso le 16, gli ultimi concorrenti. Erano partiti alle 6, e allora la cosa mi sembrava un po' fuori.


Un anno dopo, e soprattutto per colpa di quelli dell'Er-team che l'inverno scorso mi hanno istigato all'Ultrabericus, parecchio fuori ci sono arrivato anch'io, così mi sono iscritto al Sellaronda Running, perché ormai nella mia mente malata 56 km con 3650 metri di dislivello sono una passeggiata. Quello che ne è venuto fuori potete andare a leggerlo sul sito DistancePlus, con cui, grazie ai contatti nati con il mio libro, ho iniziato una nuova e gratuitissima collaborazione.


È ormai evidente che non arriverò entro l'anno al milione di copie vendute, ma le cose da cui nascono altre cose secondo me valevano sempre la pena di essere fatte. Nel caso specifico, quelli di DistancePlus ancora non lo sanno, ma il mio fine principale è quello di convertire all'orientismo tutti i loro lettori.

Qui sotto qualche immagine che magari a qualcuno gli viene voglia.

E a proposito di Val Badia, arrivederci lassù!


1 commento:

  1. Uff. Sono mezza delusa.
    Quando ho visto che avevi aggiornato il blog, ho sperato in un post con un bel pronostico attira-nera dei tuoi, così da aspettarmi qualcosa di particolarmente succulento prossimamente.

    Se non altro, arrivando in fondo al post, si vedono le foto dello Speaker e tua quasi allineate, e siete molto carini.
    Vagamente angoscianti, ma comunque molto carini.

    RispondiElimina

non lasciate commenti anonimi, suvvia...