Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

Sellaronda running

Immagine
Chi ha corso in Val Badia non può non ricordare quel panettone di roccia che si erge a est di Piz Sorega (e se non se lo ricorda, basta che guardi in alto a destra...). È il gruppo del Sella, ed è bellissimo. La Dolomites Sky Race ti ci porta in cima, ma c'è una gara che ti fare tutto il giro. L'anno scorso dopo la  staffetta a Corvara del TdR, tornando in albergo avevo visto arrivare, verso le 16, gli ultimi concorrenti. Erano partiti alle 6, e allora la cosa mi sembrava un po' fuori.


Un anno dopo, e soprattutto per colpa di quelli dell'Er-team che l'inverno scorso mi hanno istigato all'Ultrabericus, parecchio fuori ci sono arrivato anch'io, così mi sono iscritto al Sellaronda Running, perché ormai nella mia mente malata 56 km con 3650 metri di dislivello sono una passeggiata. Quello che ne è venuto fuori potete andare a leggerlo sul sito DistancePlus, con cui, grazie ai contatti nati con il mio libro, ho iniziato una nuova e gratuitissima collaborazione.…

Campionato Italiano Long: non è destino

Immagine
Io e il campionato italiano long non siamo evidentemente fatti l'uno per l'altro. Nonostante sia arrivato all'appuntamento in condizioni fisiche fantasmagoriche e in condizioni tecniche sufficienti, e abbia adottato nei giorni precedenti alla gara un profilo così basso che neanche Cenerentola, non è andata neanche questa volta. Alla medaglia ci sono arrivato più vicino del solito, ma non sono stato abbastanza bravo neanche sta volta.
Trasferimento in cabinovia fino alla zona arrivo e poi in seggiovia fino alla partenza, c'è un pelo troppo vento ma è un gran bel posto. Non è la Val Badia, ma non ci manca moltissimo. Alla partenza sono concentrato e motivato, e in riscaldamento le gambe hanno detto che ci sono.
Ma sono pur sempre due mesi che non prendo in mano una cartina, così alla 1 invece di attraversare dritto la palude faccio un giretto da sotto, e alla 2 invece di andare via in curva faccio un altro giretto da sotto. Dopo 2 lanterne ho già due minuti dal primo, Ca…

Back to C-O: Campionato Italiano Long Aprica

Immagine
Dopo un'estate di cazzeggio fra il Catinaccio, le Piccole Dolomiti e le Maddalene, torno finalmente a infilare il dito nella bussola, in occasione dei Campionati Italiani Long ad Aprica, dove non sono mai stato. Con la confidenza con la carta di un adolescente al primo ballo, mi accingo a correre la gara più importante dell'anno, che, a meno di sorprese, sarà il secondo campionato italiano M35 Rigoni-free del 2013.
Dai francobolli e dalle foto disponibili sul sito, la carta sembra ricordare quelle degli italiani long 2010 in Val dei Mocheni e 2011 a Paneveggio. Dato che la gara in M35 prevede 18 lanterne, 9,45 km e 235 metri di dislivello, pare di capire che non sarà un terreno particolarmente veloce. Dalle foto parrebbe invece esserlo, almeno in qualche parte, quindi boh. In ogni caso sembra un gran bel posto, e dato che mi ci fanno andare con una cartina in mano, avrò tanti amici con cui giocare, sono in astinenza da quasi due mesi, e mi portano anche in partenza con la segg…