19 febbraio 2010

Patologie orientistiche

In attesa che arrivi il 7 marzo, mio nuovo ipotetico inizio della stagione agonistica dopo il lutto della scoperta che Venezia by Night sarà in un giorno in cui non ci posso andare (27 febbraio), è da settimane che pranzo e ceno rigorosamente solo con il piatto vinto alla gara conclusiva del Trofeo Nazionale Centri Storici di Bassano del Grappa, "mirabile esempio di unione i motivi tipici dell'artigianato locale (l'uccello, il ponte e le foglie), e i simboli dell'orienteering (la micro lanterna nella bocca dell'uccello)", come aveva ripetuto alla nausea lo speaker della gara...

3 commenti:

  1. ...e se invece del quotidiano sfogli ogni giorno il raccoglitore delle carte di gara la patologia è proprio grave :-)

    Approfitto dell'ospitalità e segnalo un libro per chi volesse staccarsi momentaneamente dal suddetto raccoglitore: "Diario di un gatto con gli stivali" di Roberto Vecchioni

    RispondiElimina
  2. quelle solo prima di andare a dormire... :-)

    RispondiElimina
  3. Andrea S. Trent-o20 febbraio 2010 20:56

    Ci si vede ad Orgiano eh?!?? Ih ih ih ih ihhhhn

    RispondiElimina

non lasciate commenti anonimi, suvvia...