Mateloti...

"Mateloti" è una bellissima parola in dialetto trentino, che vuol dire "bambini". Pronunciata scuotendo il capo con aria di superiorità, vuol dire "ah, che bambinoni". Ed è il caso di una parte significativa dei 62 iscritti in MA nella gara di centro storico di Clusone, di sabato prossimo. Avete notizia in tutta la storia del Trofeo Nazionale Centri Storici di un'altra gara con 62 iscritti in MA? Neanch'io. 

Ma questa volta, a meno di spiacevoli sorprese dell'ultima ora, c'è il nuovo gioco da provare: lo SportIdent Air+, il sistema di punzonatura "contact less". Tu passi vicino alla lanterna, anche assieme ad altri 50 concorrenti, e la stazione rileva il tuo passaggio senza che tu debba fare nulla. Unica attenzione, passare a meno di 40 km/h, perché pare che a velocità superiore non garantisca la registrazione. Prende anche i millesimi di secondo, e il brichetto che hai al dito si illumina e fa bip per dirti che "hai punzonato".

In effetti il fatto che fisicamente non si punzona affatto, secondo me toglie molta poesia al raggiungimento della lanterna, ma immagino pensassero lo stesso quelli che erano abituati alla punzonatrice a puntine, quando gli hanno fatto vedere la prima si-card.

Comunque ovviamente sarò anch'io fra i bambini che vogliono giocarci. Qui trovate anche qualche filmato, nulla che parli di orienteering, purtoppo, ma ci si fa un'idea. In quella gara in miniera (una di quelle robe che, fino a che non ti iscrivi tu, ti sembrano la cosa più stupida del mondo), si vede che la si-card, anzi, la SIAC si illumina.

E domenica invece inizia la Coppa Italia, e in M35 ci sono quasi tutti i più forti o presunti tali. Dei primi 10 della classifica di coppa Italia dell'anno scorso mancano "solo" Carlo Rigoni, che però tradizionalmente alla prima non vince mai perchè - dice lui - non ha ancora iniziato le ripetute al Passo Rolle (e con tutta la neve che c'è quest'anno a Passo Rolle, possiamo sperare che non le cominci prima di luglio), e Paolo Mario Grassi, messo fuori combattimento dalla discutibile regola che uno che traccia una gara non può correrla. In compenso ci saranno Mario Ruggero e Max Bianchi.


Dicono che la carta sia "un labirinto di sassi e depressioni", e stando alle foto pare che il terreno sia piuttosto piatto. Quindi un bel casino. Quindi che bello.
 

Commenti

  1. Max Bianchi quando ha saputo che era stato estratto per la Giuria di gara, non si è neppure fatto vedere ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sbagli, era terrorizzato per la gara di domenica in M35, e ha pensato bene di non farsi vedere dal giorno prima...

      Elimina

Posta un commento

non lasciate commenti anonimi, suvvia...

Post popolari in questo blog

Trento - Cima Ghez, con brivido

Il mio Adamello Ultra Trail

Niente 1° di Oricup!