Coppa Italia, finalmente!

Si è fatta un po' aspettare, quest'anno, ma alla fine è tornata la Coppa Italia e sabato si comincia a Belluno. Sorvoliamo sulle varie ideone che abbiamo trovato quest'anno nell'uovo di Pasqua (tipo che vincere una sprint in centro storico o una long nel bosco vale gli stessi punti...) e lanciamoci un cuor solo e un'anima sola verso le prime due gare!

Che in M35 saranno a dir poco agguerrite, con due griglie di partenza ricche come non si vedeva da tempo. Peccato che il sabato alcuni vecchietti preferiscano giocare con i più giovani nella categoria Senior, ma la domenica saranno al via 8 dei primi 10 del campionato italiano long dell'anno scorso. Mancheranno solo Origgi (presente il sabato) e Buselli (misteriosamente assente in entrambe le gare, dopo il secondo posto alla seconda tappa dello Sprint Race Tour a Brescia), ma in compenso ci sarà Roland Pin, che a Passo Vezzena aveva vinto il titolo in M40.

Pronostici? 

Sabato, a giocarsi i posti sul podio dovrebbe esserci un sacco di gente e in particolare secondo me Origgi, Lerose, Sandri, Ruggiero, Neuhauser, Pin e Rigoni. Per il primo posto, dipende molto se è terminato il fioretto alla Madonna di King Karl, che le aveva promesso di non vincere la prima gara di Coppa Italia in cambio di non si sa bene cosa, fino a non si sa bene quando.

Domenica aumentano i pretendenti ma probabilmente diminuiscono le possibilità di sorprese. Se tutto va come dovrebbe andare, i primi 3 saranno Rigoni - Pin - Grassi PM, più o meno in questo ordine. I più accreditati nel cercare di rovinarmi il pronostico dovrebbero essere i due Cristellon, l'altro Grassi, Ruggiero e Neuhauser (e magari Bianchi, se per caso avesse iniziato ad allenarsi...), ma non è detto che ci riescano.

Il mio obiettivo per il fine settimana è di non farmi prendere da Pin e Rigoni, che tutti e due i giorni partono subito dopo di me: 1 e 2 minuti sabato, 3 e 6 minuti domenica. Soprattutto domenica, sarà dura assai, ma ci proverò con gran gusto.

"Gran gusto" che auguro anche a tutti quelli che ci saranno (e a tutti quelli che ci saranno le altre volte) con questo video un po' artigianale: foto rubate dai vostri siti, musica presa in prestito da Francesco Buselli. Non avevo voglia di comperarmi il programma e ho usato la versione che ci appiccica la pubblicità, e ho sicuramente dimenticato qualcuno di fondamentale, ma abbiate pazienza: è perché l'orienteering mi fa impazzire...
 
 

Commenti

  1. Ho dato un'occhiata qua e là alle griglie sia di sabato, sia di domenica. Questo metodo di far partire gli atleti più accreditati tutti in fila non mi piace, soprattutto se l'intervallo è 1' nella sprint e 2' nella long. Il bello dell'Orienteering è di fare la gara da soli ...
    zonori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà, a me la cosa non dispiace. Correre a caccia e cacciati è molto stimolante. Correre con qualcuno costringe a fare più attenzione, o a correre più veloce, comunque a fare i conti con un altro che ti toglie una parte di attenzione e ti costringere a pensare ogni volta se quello che hai scelto è la cosa migliore da fare.

      Elimina
  2. Secondo questo concetto varrebbe la pena di fare tutte partenze in massa allora, sai che risparmio di lavoro!

    RispondiElimina

Posta un commento

non lasciate commenti anonimi, suvvia...

Post popolari in questo blog

Trento - Cima Ghez, con brivido

Il mio Adamello Ultra Trail

Niente 1° di Oricup!