30 marzo 2017

Ruggiero: 'fanculo!

Prima gara di Coppa Italia, middle a Bosco delle Cesane: il posto era carino, la carta così così, io pessimo. Peccato, perché c'erano anche gli aquiloni con i colori dell'orienteering, e persino l'albero mangia aquiloni di Charlie Brown. Se non ci credete chiedete a quelli del TOL, che per fargli sputare il cadavere di un aquilone ci si sono arrampicati quasi in cima.

Comunque, il mio problema non è stato l'albero mangia aquiloni, che, come si sa, mangia solo l'aquilone. Il mio problema sono fondamentalmente io. Anzi, è Mario Ruggiero. Diciamolo, da quando siamo diventati amici è andato tutto di male in peggio. Lui sostiene che il mio problema è che sono troppo agitato prima delle gare, ma non è vero un ciuffolo. Eventualmente il problema è che ci arrivo troppo rilassato, con gli occhi delle triglie al posto degli occhi della tigre, e lo sanno tutti che se non sei un fuoriclasse, o parti un po' incazzato, o non ne viene fuori niente. Beh, io non sono un fuoriclasse.

E poi credo di avere un problema con le cartine che hanno il nord lungo il lato corto del foglio. Non riesco a spiegarmi altrimenti il mio errore per andare alla due, e mi pare di ricordare cose simili in passato. Quando in questo tipo di carte c'è da andare verso la parte alta della carta, a me viene da andare in su, e pazienza se le curve di livello dicono che dovrei andare in giù. In uscita dalla 1 dovevo scendere al sentiero, o tuttalpiù andare via in curva fino al sentiero, e quello praticamente mi portava alla lanterna. Solo che invece ho cominciato a salire, e quando ore dopo sono finalmente arrivato ad un sentiero ("però, che lontano!") non mi tornava più una sega, tanto che facevo fatica anche a capire se stavo sopra o sotto la strada asfaltata, e "giravo la mappa come un volante", tanto per fare una citazione dotta, che probabilmente solo Stegal capirà.

Così se dopo la 1 ero secondo a "solo" 17'' di ritardo dal Coso, frutto di una scelta di percorso buona ma evidentemente non ottima, e di una analogo svolgimento della stessa, alla 2 ero già 7° a quasi 3 minuti. A quel punto, una parte di me ha continuato a correre convinta che potevo ancora fare una buona gara, ma un'altra ha tirato i remi in barca senza dirmi niente, e ha vinto lei, grazie a ben 4 punti in cui ho fatto segnare un 12esimo tempo o peggio (dopo il 19esimo alla 2, un brillante 18esimo alla 7, due strabilianti 13esimi alla 5 e alla 14, e un 12esimo alla 17). Abbastanza ininfluenti a quel punto gli 8 tempi fra i migliori 3. 

Come ho fatto a collezionare i Fantastici 4?
  • alla 5 per risparmiare 2 curve di livello ho raddoppiato la strada
  • alla 7 l'ho attaccata dal lato più complicato, sono andato lungo, e mi sono anche fermato per rimettere a posto la spilla di sicurezza del pettorale, che se no magari, poverino, mi pungo
  • alla 14 stavo facendo un azimut quasi giusto, poi ho visto delle persone e gli sono spudoratamente andato dietro, poi ho visto Fabietto e mi sono vergognato di andargli ancora più dietro, e poi ho letto il codice della loro lanterna e mi sono sentito il più pirla del cosmo
  • alla 17 sono andato a caso che più a caso non si può, perché ormai anche quello che pensava di poter fare una buona gara si era arreso da un pezzo.

Peccato, Stefano Baccelli mi aveva fatto proprio una bella foto.

I superficiali, per superare questo empasse, mi hanno consigliato di fare allenamenti un pelo più mirati alle distanze che corro, e magari anche qualcosa che abbia vagamente a che fare con la tecnica. Ma io sono certo che basterà ricominciare a giocare a freccette con la foto del Perfido, mettermi a fare battute pesanti alle spalle di sua moglie, e iniziare a rubare la merendina e rompere i giocattoli ai suoi bambini. Tutto andrà a posto. Garantito.



6 commenti:

  1. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Altera tempore erit meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ??? temo mi sia sfuggita qualche virgola

      Elimina
  2. I "superficiali", ostaggi di una cultura sportiva retrograda e di programmi di allenamento da ex Unione Sovietica, saranno il tuo incubo, nonché i migliori alleati dei tuoi avversari. Caro mio.
    P.S. A cambiare categoria a San Primo sei sempre in tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si alleino con chi desiderano, ne aranno un giorno mal guiderdone.
      P.S. A cambiare categoria a San Primo non ci penso neanche!

      Elimina
  3. Prima di iscriverti controlla bene chi è il tracciatore della LONG.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no so bene chi sia, ma me ne hanno parlato malissimo. E anche di sua moglie. E anche dei suoi figli. Ma sono un signore e non scriverò cosa si dice in giro.

      Elimina

non lasciate commenti anonimi, suvvia...