Raccontaci nonno!

Ciao cari nipotini, cosa volete che facciamo oggi?

CATE e LEO Ciao nonno Dario, ci racconti di quella volta che hai perso i campionati italiani sprint?

Beh, li ho persi più di una volta, quale volete che vi racconti?

CATE e LEO Quella che ti sei dato le martellate sugli strabedei!!!

Si dice "zebedei", non "strabedei", e comunque è una parola che voi non dovete usare!

LEO Ma tu la usi!

Sì, ma io sono vecchio e posso, voi siete piccoli e non potete, che se poi i vostri genitori vengono a sapere che l'avete imparata da me mi sgridano.

CATE Va bene nonno, non la diciamo più, ma tu ci racconti di quella volta che ti sei martellato quei cosi lì?

Ma non ve l'ho già raccontata ieri?

LEO Nooooo! È da un sacco che non ce la racconti!!

Va bene, allora ve la racconto. Era l'estate del 2017, voi non eravate ancora nati, e i campionati italiani sprint si correvano a Vigolo Vattaro, a pochi chilometri da Trento. A quei tempi ero quasi giovane e correvo in M35 e quell'anno c'erano quasi tutti i più grandi campioni...

CATE ..."il Perfido Ruggiero, il Metronomo Tirolese, Miss Gambe, il Fiammazzo Feroce"...
LEO ..."e anche i Grassi Brother e il Bel Marines che era ricomparso dopo anni di inattività"...

Bambini, ma siete sicuri sicuri che non ve l'ho raccontata ieri?

CATE Ma sì, nonno, ma i nomi degli eroi delle fiabe rimangono sempre impressi, come il Cacciatore, il Principe Azzurro, il Brutto Anatroccolo

Ah, va bene. C'erano tutti tranne Re Carlo...

LEO ..."che era andato al mare"...

Sì, che era andato al mare. Io ci tenevo tanto a quella gara, perché mi sarebbe tanto piaciuto diventare campione italiano di qualcosa. Anche di boccette al limite, ma a boccette non ci giocavo, quindi l'unico titolo italiano che potevo cercare di vincere era quello di orienteering.

CATE Anch'io voglio diventare campionessa italiana di equitazione!!
LEO E io di tiro al piattello!!

Bravi bravi, ma dove ero arrivato?

CATE Non avevi ancora cominciato...ci devi ancora dire che la settimana prima avevi corso quella gara luuuuunga lunga.

Ah, già. La settimana prima avevo corso l'Ultra Trail Via degli Dei, da Bologna a Fiesole, 135 km e 4200 metri di dislivello, e pensavo che le mie gambe non ce l'avrebbero mai fatta a recuperare in tempo...

LEO e CATE ..."e lo pensavano anche tutti gli altri"!!!

Eh, sì, lo pensavano anche tutti gli altri, anche se non lo dicevano. Ma durante il riscaldamento le gambe andavano bene, e ero partito più deciso possibile. La 1 era molto vicina, per la 2 forse non avevo fatto la scelta migliore, alla 3 mi ero incantato un po' davanti al recinto perché mi sembrava che le cose fossero un po' diverse da come le vedevo in cartina...

LEO e CATE ..."però alla 4 avevi fatto il miglior tempo e alla 5 eri sul podio, a soli 5'' dal Feroce e 7'' dal Perfido"!!

Certo che avete proprio una bella memoria voi due!

CATE Dai nonno, che noi siamo giovani, vai avanti!

Va bene. La 6 era la mitica 38 e in tutta la zona del ritrovo era girata voce che alla 38 bisognava fare attenzione. In effetti la prima cosa che veniva da fare, guardando la carta velocemente, era buttarsi in una strada senza uscita, allora io mi sono buttato sulla strada sotto e ho corso più veloce che potevo.

LEO ..."ma hai fatto solo il terzo tempo perché la strada da sopra, che tu non avevi visto, era più veloce, e Miss Gambe e il Metronomo Tirolese l'avevano fatta"...

Proprio così! Ero ancora terzo, ma poi nel parchetto ero stato un po' dubbioso e avevo perso 6'' ed ero precipitato al quinto posto.

CATE ..."ma poi sulla tratta lunga per tornare in paese eri stato il più veloce di tutti e eri passato addirittura in testa!!"

Ma sicuri sicuri sicuri che non ve l'ho raccontata ieri?

CATE e LEO Nooooooo, non ce l'hai raccontata ieri, vai avanti nonnino caro!

Per tornare in paese dove c'era la 9 si poteva di nuovo passare da sopra o da sotto, e io ero passato da sotto e avevo corso velocissimo, e col cavolo che le mie gambe si ricordavano dei 135 km della settimana prima, e avevo dato 13'' al Perfido, 15'' a Miss Gambe, e addirittura 50'' al Fiammazzo Feroce, che aveva sbagliato strada.

LEO ..."e così uscendo dalla 9 non solo eri in testa con 7'' di vantaggio sul Perfido, ma lo avevi visto proprio lì davanti, il Fiammazzo Feroce, e dato che era il più in forma di tutti, avevi corso ancora di più"

Lo vedevo proprio lì davanti, e volevo prenderlo a tutti i costi, la 10 era facile e vicina, e solo il Perfido ci aveva messo 2'' meno di me, la 11 era da correre in salita, e quel giorno in salita nessuno correva veloce come me!!! In uscita dalla 11 il Fiammazzo Feroce era solo 10'' davanti, lo vedevo in fondo al sentierino...

CATE ..."ma cosa accidenti fa!?!?! perché va a sinistra!!"

...la lanterna è a destra!!! Sta sbagliando!! Lo supero!! Sono fortissimo!!! Volo!!! Vinco!!!!!! Non c'è più il Fiammazzo, non c'è neanche dopo il punto, non è neanche qui nel portico che entra dalla parte sbagliata, chissà dove è...

LEO Eh, nonno, alla 12 eri primo con 8'' di vantaggio sul Perfido, ma dovevi fare un po' più di attenzione lì, non dovevi pensare troppo al Fiammazzo Feroce!
CATE Eh sì, nonno, perché così poi quando sei uscito dal portico invece di prendere la strada giusta sei andato su a sinistra...
LEO ...e poi sei andato su e su e su perché tanto eri sicuro di essere giusto...
CATE ... e quando finalmente ti sei accorto che non eri giusto proprio per un cavolo era troppo tardi...
LEO ... e ti eri già dato le martellate sugli strabedei!

.........
....eh, già...
..........

CATE e LEO Dai nonno, raccontaci la fine!!

......eeeeh.......
.....se vincevo dopo i 135 km.....
.....gli sarebbe saltata la giugulare al Galletti.....
.......hhhh......

CATE e LEO Dai nonno, la fine!!

..........hhhh..........
.......il titolo italiano sprint......
............eeeeeh.........
..........hhhh..........
..........,,,,.......

LEO Ma cosa fai nonno!?!?!
CATE Dai nonno, non piangere dai, i nonni non devono piangere!!!!
LEO Nonnaaaaa! Il nonno piange...

Cosa è successo? Come mai piange il nonno? Non gli avrete mica fatto raccontare di nuovo la storia dei campionati italiani sprint 2017??

CATE e LEO Nooooooooo! Figurati!!
CATE Siamo passati per caso in soggiorno e era qui che piangeva da solo, noi eravamo in camera che giocavamo con il tablet, figurati se ci interessano le storie del nonno!!

Dai Dario, vieni in cucina con me, aiutami a pelare le patate e raccontami... raccontami... della gara di Siena 2016, dai, quella che avevi battuto Maddalena, e che il Perfido si era perso... dai, raccontami, e soffiati il naso, e prendi il pelapatate, dai basta adesso, che sono passati tanti anni!

......eeeeh.......
.....se vincevo dopo i 135 km.....
.....gli sarebbe saltata la giugulare al Galletti.....
.......hhhh......

- - - 

CATE (Te l'avevo detto che due giorni di seguito non andava bene...)
LEO (Ma come facevo a immaginare che si metteva a piangere!?!? Di solito cominciava a dire un sacco di parolacce, ti ricordi quante ne abbiamo imparate ieri!?!?!)
CATE (Sì, lo so, mi ero anche portata il quaderno per segnarmi quelle nuove, ma te l'avevo detto che due giorni di seguito non andava bene, era successo così anche la settimana scorsa...)
LEO (Va bene, allora aspettiamo la settimana prossima per farcela raccontare di nuovo!)



Commenti

  1. ogni volta pensi "chissà che cacchio s'inventa' e ogni volta si supera (sia nella scrittura sia negli errori)...

    RispondiElimina
  2. Potresti tranquillamente mandare a casa l'"ilare" Pietro. Hai mai pensato di farti assumere?

    RispondiElimina
  3. Ciao nonno Dario, sono Pardo, amico di tuo nipote. Leo mi ha detto che racconti delle storielle esilaranti che riguardano uno strano sport al quale ti dedichi con passione. Siccome mio zio Piersilvio sta cercando dei nuovi comici per la prossima edizione di Zelig, che ne diresti se ti provassi a raccomandare? Mio zio dice che sta cercando in particolare qualcuno che potrebbe fare da spalla a nuovi personaggi tipo Gianfranco Librandi o Simona Malpezzi, comici emergenti. Cosa ne dici?
    Ciao, Pardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardi, signor Pardo, io preferirei di gran lunga non avere più storielle esilaranti da raccontare, mi piacerebbe diventare un noioso trionfatore che guarda sempre tutti dall'alto del gradino più alto del podio. Però fin che guardo tutti dal basso del prato sotto il podio, posso anche prendere in considerazione l'idea di venire a presentare Il Grande Capolavoro della Letteratura Italiana, lo dica a Suo zio, sono certo avrebbe molti più ascolti di Zelig...

      Elimina

Posta un commento

non lasciate commenti anonimi, suvvia...

Post popolari in questo blog

Trento - Cima Ghez, con brivido

Il mio Adamello Ultra Trail

Niente 1° di Oricup!