3 maggio 2012

Campionati Italiani Middle: il nemico più grande

La cosa più bella, l'unica veramente importante, sportivamente parlando, è essere arrivato fino a qui potendo dire "ci sono anch'io". Poi andrà come andrà, e da domenica sera sarò super felice o super depresso, o super pieno di rimorsi o super qualcos'altro, ma tutto il lavoro fatto in questo lunghissimo inverno è comunque ripagato dal fatto di poter oggi legittimamente sognare.

Non è "certo", non è "probabile", nè tantomeno facile, ma è "possibile". So di poter gareggiare per una medaglia, e non farò certo finta di partire "libero da aspettative". Io voglio una medaglia, e punto. Poi magari riuscirò a sopravvivere anche se non la prendo, ma questa è un'altra storia.

L'anno scorso se le sono prese Rigoni, Pierpaolo Corona, e Simone Grassi, e io sono arrivato ore dopo di loro. Quest'anno oltre a loro ci sono vari altri (Paolo Mario Grassi, il Cip, Gottardi, solo per fare i nomi dei più accreditati) che stanno andando veramente forte, e altri sei che quest'anno mi hanno già battuto almeno una volta. Insomma, ci sarà da divertirsi.

E mai come questa volta, il nemico più grande è stato così vicino...



P.S. Per chi si stesse chiedendo come sarà il terreno, la mappa "Tesino Laserscan" elaborata da Davide Miori sembra confermare le indiscrezioni che Orizen è riuscito a strappare agli organizzatori, con gli "alti dislivelli" sparsi a piene mani in tutta la carta, e la zona "veloce e pianeggiante" confinata all'estremo nord o nella zona centro est della zona, ma "pianeggiante" è un parolone.

2 commenti:

  1. Come diceva un certo Muttley "MEDAGLIA, MEDAGLIA"
    quasi quasi mi dispiace essere così vecchio anche se so che alla categoria superiore ci si può iscrivere comunque MIKE

    RispondiElimina
  2. In bocca al lupo Dario

    Ciobin 1975

    RispondiElimina

non lasciate commenti anonimi, suvvia...